8 Aprile 2020

Mi annoio!

Cosa posso fare se non posso uscire di casa?

Mi annoio! I miei figli si annoiano! 

Lezioni on line di yoga, meditazione, disegno, cucina. Libri e corsi di tutti i tipi gratis e chi più ne ha ne metta. Siamo proprio sicuri che riempire questi giorni in cui non possiamo uscire di casa sia la cosa migliore da fare?

Cosa posso fare se non posso uscire di casa?

Ecco le mie 3 risposte a questa domanda, forse non ti piaceranno o forse non è quello che ti stanno dicendo tutti gli altri creatori di contenuti, ma…ascoltami e poi, decidi tu! C’è anche qualche riflessione sui più piccoli e come puoi aiutarli in questo periodo di stop forzato.

1. Fermati!

Siamo costretti a stare ferme, ma io vedo persone che fanno incetta di attività, di cose da fare, che hanno giornate impegnate come fossero capi di stato.

Si aggirano nel web alla ricerca di attività da fare, da far  fare ai loro bambini.

Ma sei sicura che se non puoi uscire di casa, la cosa migliore da fare sia stressarti in questo modo, continuare a correre a riempire, come se non ci fosse un domani?

Non dico di stare tutto il giorno immobile, ma puoi dedicare qualche minuto della tua giornata a non fare nulla di produttivo e semplicemente stare con te stessa?

Non siamo più abituate alla noia e non insegniamo come stare nella noia neanche ai nostri bambini.

È quando non si ha nulla da fare, quando si è insofferenti che iniziano le ricerche migliori che si fanno le scoperte più importanti.

Permettiti di inciampare in qualche scoperta, di stare nella noia, nel non fare. È un’occasione unica, perché sprecarla ripetendo una copia della vita che facevi prima?

2. Fai la conoscenza di te stessa

Chi sei? Cosa vuoi? Come puoi cambiare la tua vita? Cos’è veramente importante per te? La tua vita ti piace?

Sono domande scomode se non sei abituata a fartele, a riempirti di impegni per non affrontarle, ma non c’è nessun cambiamento vero, nessun corso, libro, insegnante che possa fare qualcosa per te se prima non cerchi la risposta a queste domande.

Forse il tuo “mi annoio” sta nascondendo qualcos’altro?

Cerchiamo le risposte sempre fuori da noi, le cerchiamo in una tecnica, in un corso ma le risposte puoi saperle solo tu e se non puoi uscire di casa, questo è il momento perfetto per iniziare a prenderle in considerazione.

Non dipendere dagli altri ma da te stessa e insegna ai tuoi figli a fare la stessa cosa!

Lascia che imparino a capire cosa li diverte, come gli piace impiegare il tempo, quali attività possono fare da soli, inventando giochi e non aspettando che sia mamma a proporglieli…lascia che trovino le loro risposte alla frase: “mi annoio!”

3. Impara la creatività.

La creatività adora i limiti e sicuramente è una limitazione essere costrette a casa.

Inizia a pensare diversamente, a vedere diversamente, tira fuori la bambina che c’è in te.

Invece di andare alla ricerca di attività da proporre ai tuoi bambini, inverti i ruoli, chiedi loro di insegnarti un gioco o suggerirti un’attività, lascia che siano loro a gestirti per un po’ e non il contrario.

Qui sono raccolte tutte le risorse gratuite dell’Arte di Fiorire che, ti assicuro, ti aiuteranno a fare queste 3 cose: fermarti, fare la conoscenza di te stessa e imparare la creatività.

 

Altre storie da leggere

come portare la magia della creatività nella tua vita.

Martino Testadura e la strada che non andava in nessun posto.

Sono sempre stata follemente innamorata di Gianni Rodari, è un amore iniziato da bambina e che non si è mai spento. Uno dei suoi libri che più ho amato è Favole al telefono.   Il protagonista di questo capolavoro è il ragionier Bianchi, di Varese, rappresentante farmaceutico in giro...

fiori di bach per vivere il presente

Il presente è un dono

Dicembre è il mese delle luci, degli addobbi, di Babbo Natale e dei regali. Passeremo molto del nostro tempo a comprarne e a scartarne, ma qual è il vero regalo che ognuno di noi ha già ricevuto? Il presente! Il presente, l’oggi, questo momento in cui mi leggi è...

Perché scrivo ogni mattina

Perché scrivo ogni mattina

Da 6 anni, ogni mattina o quasi, mi sveglio mezz’ora prima del dovuto e scrivo le mie pagine del mattino. Ci sono giorni in cui proprio non mi va, ci sono mattine in cui la tentazione di continuare a dormire è fortissima, e quasi sempre devo vincere una certa...