Come azzittire quella voce interiore che ti dice che NON COMBINERAI MAI NULLA DI BUONO nella vita e INIZIARE AD AGIRE per creare il tuo lavoro

Alzi la mano chi non hai mai sentito questa simpatica vocina interiore, capace di bloccare anche i migliori propositi di azione e cambiamento.

Sei stanca di passare gran parte delle tue ore da sveglia facendo un lavoro che non ti piace, decidi che inizierai partendo da te stessa e dalle tue passioni per generare profitto.

Poi arriva la vocina (“Non hai mai combinato nulla finora perché dovresti iniziare proprio adesso?”), sale l’ansia e inizia la fuga.

Ti rendi conto che casa ha bisogno di una sistemata urgentissima, oppure cincischi per ore sui social, o ancora (questa era la mia preferita) decidi che per creare il lavoro dei tuoi sogni devi prima leggerti 1000 libri, prendere 3 lauree e almeno 2 specializzazioni perché ti mancano i titoli.

Esiste un modo per farla tacere?

Per non sentire più quel nodo in gola o quella morsa allo stomaco?

Per trovare il coraggio e la fiducia in te stessa che ti servono per prendere in mano la tua vita?

Una delle cose su cui ho lavorato questa mattina in sessione con una delle mie meravigliose clienti del percorso dal “dal Sogno all’Azione in 10 settimane” è come neutralizzare questo pensiero costante che ha in testa di non essere in grado di realizzare nulla di buono nella sua vita.

Come sbarazzarsi di questa convinzione e agire serenamente per costruire il suo lavoro?

> Passo 1: Tu non sei i tuoi comportamenti passati.

Se in passato non sei riuscita a concretizzare il cambiamento che desideri, non significa che tu non ne sia capace oggi.

Quante volte nella tua vita hai imparato qualcosa di nuovo?

Cambiare è una cosa che s’impara, un passo alla volta, come tutte le cose.

Alcuni cambiamenti sono più complessi di altri e quindi necessitano di più tentavi.

Hai mai visto un bambino alzarsi e fare i primi passi?

Ci prova, si alza, cade, si rialza e ci riprova.

Non c’è molta differenza con te!

In passato hai fatto tentativi per costruire un lavoro che ti piacesse e hai mollato dopo poco?

È stato un tentativo che ti ha portata più vicina alla tua meta, non un fallimento!
.
> Passo 2: Gli errori del passato non tolgono nulla al tuo valore come persona.

Tu sei degna di amore qualsiasi cosa tu abbia fatto o non fatto nel tuo passato.

Il più grande problema di queste voci aiuto giudicanti è che ti umiliano, ti fanno sentire sbagliata.

Soprattutto ti fanno dimenticare che sei parte di una creazione e ne condividi l’essenza.

Vedere tutto da una prospettiva superiore ti aiuta a rimettere le cose nel giusto ordine e aiuta me a introdurre il 3 punto, il più importante.

Passo 3: Le tue difficoltà passate non sono la dimostrazione della tua incapacità, ma il carburante della tua evoluzione.

Se tutto ti fosse riuscito bene e anche subito, non avresti avuto nessuno stimolo per continuare a crescere nel tentativo di superare le difficoltà.

Quante cose di te hai imparato nei tuoi insuccessi passati?

Ma c’è dell’altro!

Nelle tue sconfitte e nei tuoi dolori ci sono i tuoi talenti e la tua missione di vita.

Sono servite a farti imparare quello che ora puoi mettere a disposizione delle persone.

Quindi, la prossima volta che nella tua testa sentirai una voce dirti: “non hai mai combinato nulla di buono”, rispondile che questo fa di te una persona consapevole.

E poi dedica le tue energie a trovare un modo per passare la tua esperienza a tutte le persone che ne hanno bisogno.

Questa consapevolezza ha permesso alla mia cliente di sanare il senso di colpa e di fallimento che la bloccava da sempre dicendole che non avrebbe mai fatto nulla di buono.

Questa è solo una piccola parte del cammino che faremo insieme, ma le è bastata per decidere di iniziare a mettersi alla prova guidando un’altra donna nel suo di cambiamento.

Questa consapevolezza ha aiutato anche te? Fammelo sapere nei commenti!

 
 
 
 
Mi piace
 
 
 
Commenta
 
 
Condividi
 
 

Potrebbero interessarti