11 novembre 2018

Come capire qual è il tuo sogno – parte 2

la voce dell'intuito

Il tuo dilemma è come capire qual è il tuo sogno? Ne ho già parlato qui ma oggi voglio riprendere l’argomento perché la mancata risposta a questa domanda blocca moltissime SognoViaggiatrici in erba.

Ho passato gran parte della mia vita nel cercare di capire qual era la mia missione, il mio scopo, e ciclicamente mi chiedevo: “Claudia, qual è il tuo sogno?”.

Di passioni e di sogni ne avevo tanti ma saltellavo dall’uno all’altro, come un’ape di fiore in fiore, e questo era divertente ma fino ad un certo punto. Sentivo che se avessi saputo di più sarei stata in grado di avere risposte concrete su quale direzione prendere nella mia vita.

Quanto più scavavo, quanto più studiavo, quante più informazioni ricevo, quanto più si faceva profondo il buco nero nel quale mi trovavo. Ero confusa, anche perché molte informazioni che ricevevo dall’esterno erano in contrasto fra di loro, e non sapevo a chi o cosa credere.

Le cose sono iniziate ad andare meglio quando ho deciso di lasciar andare tutte le informazioni che avevo e di capire qual è la mia strada seguendo il mio istinto e basta! È stato difficilissimo (e a volte lo è ancora) perché io sono una secchiona e ho sempre pensato che tutto quello che mi serve sapere è dentro un libro e, se non è dentro un libro, c’è un insegnante che può dirmelo.

Quando si tratta di sogni non funziona così. Se vuoi davvero capire qual è il tuo sogno devi imparare ad ascoltare la voce del tuo intuito e a camminare nel buio, a piccoli passi, senza sapere in anticipo tutti i dettagli del tuo itinerario.

 

Come si impara ad ascoltare il proprio intuito?

Non credo ci sia una regola standard ed universale per tutte noi. Conosco donne che riescono a leggere i messaggi del proprio intuito ovunque (nella forma delle nuvole, nella ricorrenza di alcuni numeri, nelle canzoni che passano alla radio) e donne (io sono fra queste) che hanno una mente più pragmatica e razionale.

L’unica cosa di cui sono certa è che l’intuito si allena, proprio come fosse un muscolo. 

Ecco 3 cose che puoi fare per allenare il tuo intuito:

1. Fidati di te stessa. Confessa: quante volte ti è capitato che per dare retta a qualcuno non hai seguito la tua voce interiore e sei finita nei guai? Quante volte ti sei detta: “lo sapevo, me lo sentivo…”.

Tendiamo a pensare che gli altri abbiano ragione o sappiano cosa sia giusto per noi perché non ci fidiamo abbastanza di noi stesse e ci illudiamo che maestri, guru e libri vari ne sappiano più di noi. Ma chi meglio di te può capire qual è il tuo sogno?

2. Non pensare troppo! Le seghe mentali sono i serial killer dell’intuito. Pensare troppo (e male) genera solo ansia e stress per il futuro e, quanto più ti arrovelli su te stessa, quanto meno riuscirai a capire qual è il tuo sogno. Riconoscendo e accettando la natura imprevedibile della vita, smettiamo di pensare e analizzare troppo e viviamo nel presente. Rimani nel presente!

3. Fatti aiutare dalla natura. In questo post ho scritto di 3 Fiori di Bach che potrebbero aiutarti.

 

Scrivimi nei commenti se anche tu, come me, hai dovuto esercitarti molto per imparare ad ascoltare la tua voce interiore.

Altre storie da leggere

Qual è il mio sogno?

Qual è il mio sogno?

Quando ti piace fare moltissime cose e altrettante ti riescono bene, quando hai saputo reinventarti ogni volta che la vita ti ha costretta a ricominciare è probabile che, come è capitato a me, ti ...

L’indecisione ti blocca?

L’indecisione ti blocca?

L’indecisione ti blocca? Sei un’indecisa? Non sai da che parte andare? Cara sognatrice indecisa questo post è tutto per te! Prima però voglio farti qualche domanda: – Quando devi prendere un...

burabacio

Burabacio

Spesso la strada della SognoViaggiatrice è una strada solitaria. Gli SpaventaSogni e i temibili MangiaSogni sono sempre lì in agguato, pronti a dirti che la fantasia e l’immaginazione sono b...

Cara confusione, ti scrivo…

Come scoprire i doni segreti della confusione

Oggi voglio raccontarti di come, lo scorso inverno, ho superato un momento di grande confusione. Avevo tanti pensieri, non riuscivo a combinare nulla, iniziavo 100 mila attività senza riuscire a p...