17 dicembre 2017

Caro Babbo Natale

il regalo più bello

Caro Babbo Natale,

come stai? A volte penso che devi essere esausto, non tanto per la maratona della consegna dei regali, quanto per tutte le richieste che immagino ti arrivino. Ti vedo, sai? Seduto alla tua scrivani a ridere, sorridere delle letterine dei tuoi piccoli fan e a rabbuiarti quando qualche adulto (non sono l’unica a scriverti, vero?) confida a te i macigni che sono sul suo cuore, cercando conforto. 

Caro Babbo Natale, per questo non ho bisogno di nessun oggetto e non lo dico per sembrarti buona ma perché ormai ho imparato che non è nelle cose che possiedo la mia felicità ma c’è un mio desiderio che vorrei arrivasse alla tua attenzione: tornare a sorridere con la gioia e la spensieratezza, con la fiducia nel futuro e nella vita di quando ero bambina e, la mattina di Natale, senza aprire gli occhi tastavo con le mani alla ricerca dei regali che mi avevi lasciato sotto il letto.

Caro Babbo Natale, questo è il regalo più bello: lasciare che la bambina che sono stata prenda per mano l’adulta che sono ora e questo è l’augurio che faccio a tutte le persone che mi stanno leggendo in questo momento.

Grazie

Claudia

Altre storie da leggere

Natale che Stress! Come sopravvivere al Natale con la creatività

Natale che Stress! Come sopravvivere al Natale con la creatività

Ancora non lo sai? Eppure lo sbandiero ai quattro venti ormai da una decina di giorni! Il 20 dicembre si parte, andiamo alla scoperta del vero spirito del Natale, visiteremo luoghi bellissimi (che ti assicuro non hai mai visto!) e dove potrai riposarti, toglierti qualche sassolino dalle scarpe, gioire...

Tre modi per azzittire i “bla bla” che ti senti dire quando insegui un sogno

Tre modi per azzittire i “bla bla” che ti senti dire quando insegui un sogno

  I pericolosi “bla bla” che ti senti dire quando insegui un sogno sono tanti. A seguire i primi classificati della mia top ten.   Ecco le famigerate parole AvvelenaSogno: “Alla tua età ancora corri dietro ai sogni?”, “Hai una famiglia, non comportarti da irresponsabile!”, “ Sono solo fantasie!”, “È...

c’era una volta … continua tu!

Tre cose di me che vorrei donarti

Questa settimana sto partecipando ad un challenge di Giada Carta  per ripartire dopo una lunga pausa e farlo con un pizzico di allegria e gioco. Compito della terza giornata è stato quello di definire la mia personalità in soli tre aggettivi e trovare altrettanti oggetti che li rappresentassero. Per parlare...